>> TIROCINI AL PARLAMENTO EUROPEO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Durante l’anno il Parlamento Europeo offre diversi programmi di tirocini per laureati e diplomati presso il proprio Segretariato generale. Gli stage presso l’Europarlamento possono essere retribuiti, a seconda della tipologia, con contributi economici, e prevedono alcuni rimborsi spese e assicurazioni.

 

 

Tipologie di tirocini previste:

 

Borse di studio Schuman - Tirocini per titolari di diplomi universitari

Questi tirocini Parlamento Europeo permettono ai partecipanti di familiarizzare con l’attività dell’unione Europea e in particolare del Parlamento Europeo.

Gli stage, che hanno una durata di 5 mesi, sono suddivisi in:

  • Opzione Generale: è aperta a persone laureate (laurea almeno triennale) e il programma coinvolge una vasta gamma di settori come le politiche, il diritto, le risorse umane, le teconologie informatiche ecc. 
  • Opzione Giornalismo: ai candidati si richiede, oltre alla laurea, una competenza professionale comprovata da pubblicazioni, o dall’iscrizione all’ordine dei giornalisti o da una formazione giornalistica riconosciuta.
  • Opzione Premio Sacharov: permette agli stagisti di conoscere le attività del parlamento Europeo a favore dei diritti umani ed è quindi rivolta a laureati che abbiano interesse per queste tematiche.

Periodi di Stage e Scadenze
– Periodo di tirocinio: dal 1° marzo al 31 luglio – Iscrizioni dal 15 agosto al 15 ottobre.
– Periodo di tirocinio: dal 1° ottobre al 28 / 29 febbraio – Iscrizioni dal 15 marzo al 15 maggio.

 

Tirocini di traduzione per titolari di diplomi universitari

Gli internship sono rivolti a candidati in possesso di diploma universitario. Possono accedere a questa tipologia di tirocini Europarlamento sia persone con laurea triennale sia persone che hanno conseguito lauree specialistiche / magistrali. Per candidarsi occorrono una perfetta conoscenza di una lingua europea (es. Italiano) o della lingua ufficiale di uno dei Paesi candidati ad entrare nell’Unione europea, e una conoscenza approfondita di altre 2 lingue tra quelle ufficiali dell’UE (esempio: Francese, Inglese, Spagnolo, Tedesco ecc.).

Gli stage hanno una durata di 3 mesi, prorogabili per altri 3, e sono retribuiti con borse di studio dell’importo di circa 1.313 Euro al mese.

I tirocini si svolgono a Lussemburgo. 

Periodi di Stage e Scadenze
– Inizio del tirocinio: dal 1° gennaio – Iscrizioni dal 15 giugno al 15 agosto.
– Inizio del tirocinio: dal 1° aprile – Iscrizioni dal 15 settembre al 15 novembre.
– Inizio del tirocinio: dal 1° luglio – Iscrizioni dal 15 dicembre al 15 febbraio.
– Inizio del tirocinio: dal 1° ottobre – Iscrizioni dal 15 marzo al 15 maggio.

 

Tirocini di formazione alla traduzione

Si tratta di stage di durata da uno a tre mesi, rivolti a diplomati maggiorenni. La durata del tirocinio può essere prorogata, eccezionalmente, per una durata massima di altri 3 mesi. Gli stagisti devono possedere una perfetta conoscenza di una delle lingue ufficiali dell’Unione europea(tra cui rientra la lingua italiana) o della lingua ufficiale di uno dei Paesi candidati ad entrare nell’UE, e una conoscenza approfondita di altre due lingue ufficiali europee.

Questi stage in Parlamento Europeo sono retribuiti con borse di studio che hanno un importo mensile di circa 322 Euro e hanno sede a Lussemburgo.

Periodi di Stage e Scadenze
– Inizio del tirocinio: dal 1° gennaio – Iscrizioni dal 15 giugno al 15 agosto.
– Inizio del tirocinio: dal 1° aprile – Iscrizioni dal 15 settembre al 15 novembre.
– Inizio del tirocinio: dal 1° luglio – Iscrizioni dal 15 dicembre al 15 febbraio.
– Inizio del tirocinio: dal 1° ottobre – Iscrizioni dal 15 marzo al 15 maggio.

 

Interpreti di conferenza

Il Parlamento Europeo offre a coloro che possiedono la qualifica di interprete di conferenza e una idonea combinazione linguistica la possibilità di presentare domanda per sostenere una prova di accreditamento o per partecipare a un concorso generale per Interpreti di conferenza.

 

Requisiti generali:

  • possedere la cittadinanza di uno Stato membro dell’Unione europea o di un paese candidato all’adesione all’UE (un certo numero di posti è disponibile anche per candidati dei Paesi terzi non candidati all’adesione, per un totale non superiore al 10% del numero complessivo di stagisti da ammettere ai tirocini);
  •  possesso del titolo di diploma oppure di laurea (in base al tirocinio scelto);
  • età non inferiore ai 18 anni alla data d’inizio del tirocinio;
  •  padronanza di una delle lingue ufficiali dell’Unione Europea;
  •  non aver usufruito di un tirocinio o di un impiego retribuito di più di quattro settimane consecutive a carico del bilancio dell’UE;
  • per i tirocinanti nel settore dell’infanzia, fornire un estratto del casellario giudiziario emesso da meno di un anno dall’autorità dell’ultimo luogo di residenza.

Alcune caratteristiche specifiche sono richieste, poi, agli aspiranti stagisti in base alla tipologia di tirocinio per il quale intendono candidarsi.

 

I tirocini Parlamento Europeo possono svolgersi presso le sedi dell’Europarlamento a Strasburgo, Bruxelles o Lussemburgo. Oppure presso negli Uffici Informazioni del Parlamento Europeo situati negli Stati membri. In quest’ultimo caso, occorre conoscere fluentemente la lingua del Paese di destinazione.

 

Condizioni dei tirocini

Gli stagisti firmano un regolare contratto di tirocinio, di durata variabile a seconda della tipologia di percorso formativo. Possono beneficiare di un contributo forfettario per le spese di andata e ritorno dalla residenza alla sede del tirocinio, sostenute all’inizio e alla fine dello stesso, se queste distano oltre 50 Km tra loro. Durante il percorso di formazione e lavoro, inoltre, i tirocinanti posso effettuare delle missioni in luoghi diversi da quello deputato allo stage.

In questo caso hanno diritto al pagamento forfettario di 180 Euro per le prime 24 ore di missione e di 90 Euro per ogni nuovo periodo di 12 ore, o di 60 Euro se non trascorrono la notte fuori, per le missioni presso le sedi di Bruxelles, Lussemburgo e Strasburgo. Sono previsti anche una indennità giornaliera, con rimborso delle spese di albergo, o un importo forfettario di 65 Euro se la missione si svolge in un raggio di 50 km dal luogo di assegnazione, per quelle al di fuori delle tre sedi menzionate.

Oltre al rimborso per le spese di viaggio, il Parlamento Europeo fornisce un’assicurazione sanitaria e infortuni integrativa. Gli stagisti hanno diritto a due giorni di congedo al mese e ai congedi ufficiali per i giorni festivi e di chiusura dell’Europarlamento, a quelli speciali e a quelli per malattia. La sistemazione è a carico dei tirocinanti ma, su richiesta, gli stessi possono rivolgersi agli uffici accoglienza di Bruxelles e Lussemburgo, per ricevere un elenco di possibili alloggi.

 

Come avviene il recruiting

Le selezioni per lavorare al Parlamento Europeo con i programmi di stage è articolata in diverse fasi, a partire dalla preselezione delle candidature, da parte dell’Ufficio tirocini dell’Europarlamento, in base alla quale quelle considerate idonee vengono trasmesse ai servizi competenti delle Direzioni generali, che le esaminano.

A parità di merito e attitudini, vengono prese in considerazione le origini geografiche dei candidati, per assicurare un’equa distribuzione degli stage, così come il numero di uomini e donne. I servizi competenti inviano dunque all’Ufficio tirocini l’elenco dei candidati selezionati, classificati in ordine di priorità, che viene utilizzato dall’autorità competente in base al numero totale dei tirocini autorizzati.

 

Gli interessati a svolgere un tirocinio e a fare un’esperienza di formazione e lavoro nel Parlamento Europeo possono candidarsi visitando la pagina dedicata agli stage, e compilando l’apposito modulo online di candidatura, durante i periodi di apertura delle istanze, entro le scadenze indicate.

 

 

Entro il 15 maggio, è possibile candidarsi per partecipare agli stage per titolari di diplomi universitari e ai tirocini di traduzione per laureati e diplomati in partenza il 1° ottobre.